Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l’invio di cookie di terze parti; per maggiori informazioni sull’uso dei cookie e per negare il consenso allo loro installazione vai all’informativa. Proseguendo nella navigazione ne consenti l’utilizzo.
500 ANNI DALLA “PRESA DI SAN LEO” Programma di celebrazioni e replica dell’opera del Vasari grazie al contributo della Banca

 

Il Sindaco di San Leo Mauro Guerra e il Presidente di Banca Carim Prof. Avv. Sido Bonfatti

 

500 ANNI DALLA “PRESA DI SAN LEO”

Programma di celebrazioni e replica dell’opera del Vasari

grazie al contributo della Banca

 

Rimini, 17 ottobre 2017 – Ormai ultimata la replica dell’affresco di Giorgio Vasari “La presa di San Leo”. Con il progetto storico - artistico l’amministrazione comunale di San Leo celebra i cinquecento anni della conquista della Rocca da parte dei Medici, evento immortalato dal Vasari in un affresco conservato a Palazzo Vecchio, Firenze.

Per la ricorrenza storica, l’Accademia delle Belle Arti di Firenze ha allestito un atelier all’interno del Forte leontino, riproducendo il celebre dipinto su una tela di grandi dimensioni con tecniche pittoriche cinquecentesche. Il progetto culturale e il programma delle celebrazioni ufficiali si è realizzato grazie al contributo di Banca Carim. Oggi nella Sede della Banca, l’incontro tra il Presidente della Carim Prof. Avv. Sido Bonfatti e il Sindaco di San Leo Mauro Guerra.

“Si tratta di un evento culturale rilevante per tutto l’entroterra riminese, che ha visto il coinvolgimento di importanti Istituzioni: Comune di Firenze, Regione Emilia Romagna, Provincia di Rimini - commenta il Prof. Avv. Sido Bonfatti, Presidente di Banca Carim -. Contribuire a valorizzare il patrimonio storico - artistico del territorio fa parte del tradizionale impegno di Banca Carim per la comunità: siamo lieti che l’evento abbia suscitato una così vasta eco”.

“Il contributo economico è stato fondamentale per l’ottima riuscita dell’intero evento – dichiara Mauro Guerra, Sindaco di San Leo – sia nel giorno della ricorrenza, il 17 settembre scorso, con l’autorevole prolusione del Prof. Antonio Paolucci, sia per la realizzazione della bottega d’arte all’interno della Fortezza. Notevole l’attenzione mediatica generata dall’evento, come attesta la trasmissione di ‘Sereno Variabile’ andata in onda sabato scorso su RAI 2”.