Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l’invio di cookie di terze parti; per maggiori informazioni sull’uso dei cookie e per negare il consenso allo loro installazione vai all’informativa. Proseguendo nella navigazione ne consenti l’utilizzo.
Banca Carim entra nel Gruppo Crédit Agricole

 

Il 29 settembre 2017 Crédit Agricole Cariparma S.p.A. ha sottoscritto l’accordo quadro che consentirà a Banca Carim di entrare a far parte del Gruppo Crédit Agricole, leader europeo nel settore della banca retail, con rating e coefficienti patrimoniali di assoluta eccellenza.

L’operazione rientra nell’ambito del piano strategico «Ambizione Italia 2020» e contribuirà a rafforzare il Gruppo Crédit Agricole in Italia: grazie all’acquisizione delle tre Casse di Risparmio, il Gruppo consoliderà la sua presenza in Emilia-Romagna e Toscana secondo logiche di vocazione territoriale e di vicinanza alla clientela.

Il Gruppo Crédit Agricole ha investito stabilmente nel nostro Paese oltre 10 miliardi di euro e con Cariparma, Carispezia e Friuladria è attualmente il settimo istituto di credito italiano con oltre 1,7 milioni di clienti, 8.200 dipendenti e 915 punti vendita.

Il Gruppo Crédit Agricole trae la sua forza da radici cooperative e mutualistiche: come Banca Carim crede nel principio della prossimità con il cliente, essendo la risultante di una vasta rete di banche locali e regionali, con una base di capitale complessiva di quasi 100 miliardi di euro. L’Italia è il suo secondo mercato, dove opera nel settore di banca commerciale, nei servizi finanziari speciali, nel settore banca d’impresa, nella gestione del risparmio e della bancassicurazione, settore, quest’ultimo, in cui vanta il primato europeo.

L’ingresso nel Gruppo consentirà a Banca Carim di rafforzare la propria identità territoriale e storica: potendo contare su una struttura industriale di respiro internazionale e di alto profilo reputazionale, ogni esigenza commerciale potrà essere pienamente soddisfatta, grazie alla rinnovata capacità competitiva e alla raggiunta solidità patrimoniale.

L’integrazione nel Gruppo Crédit Agricole consentirà inoltre a Banca Carim di realizzare investimenti per l’innovazione tecnologica, di creare infrastrutture più evolute a servizio della clientela, di distribuire prodotti innovativi, di adottare strumenti di lavoro più efficienti.