Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l’invio di cookie di terze parti; per maggiori informazioni sull’uso dei cookie e per negare il consenso allo loro installazione vai all’informativa. Proseguendo nella navigazione ne consenti l’utilizzo.
Social Bond

 

Si tratta di prestiti obbligazionari che, con modalità varie, hanno l’obiettivo di sostenere finanziariamente organizzazioni e progetti ad alto valore sociale, con primario riferimento al mondo del Terzo Settore.

Il termine con cui sono sempre più spesso indicati è quello di obbligazioni sociali, o social bond.

Banca Carim-Eticredito ha iniziato a proporre ai propri Clienti questa nuova forma di investimento, confermando la particolare attenzione riservata al variegato mondo del non profit e contribuendo allo sviluppo umano ed economico delle Comunità in cui opera.

A differenza del modello applicato da altre banche il Social Bond di Carim prevede che l’onere economico per l’erogazione del contributo all’Ente non profit sia totalmente a carico della Banca.

 

SOCIAL BOND “IRST – ISTITUTO SCIENTIFICO ROMAGNOLO PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI”

A giugno 2015 è stato lanciato il Social Bond per l’IRST – “Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori” per contribuire al finanziamento del progetto di ricerca denominato “Studio dell’interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali di collagene: nicchia pre/metastatica”.

Caratteristiche del prodotto: prestito obbligazionario con cedola semestrale, della durata di 3 anni, al tasso fisso lordo dello 0,90% con devoluzione all’IRST di un contributo a carico della Banca pari a 0,40% del valore nominale collocato. Taglio minimo sottoscrivibile euro 1.000, plafond 10 milioni di euro.

 

SOCIAL BOND “CROCE ROSSA ITALIANA – COMITATI LOCALI DELLE MARCHE”

Nel mese di gennaio 2015 è stato lanciato il Social Bond per la Croce Rossa Italiana – Comitati locali delle Marche che ha consentito alla Clientela di scegliere, al momento della sottoscrizione, a quale Comitato della Regione Marche destinare una liberalità, totalmente a carico della Banca.

Caratteristiche del prodotto: prestito obbligazionario con cedola semestrale, della durata di 3 anni, al tasso fisso lordo del 1,40% con devoluzione ai Comitati Locali della Croce Rossa Italiana Regione Marche di un contributo a carico della Banca pari a 0,50% del valore nominale collocato. Taglio minimo sottoscrivibile euro 1.000, plafond 5 milioni di euro.

 

SOCIAL BOND “CITTA’ DI CASTELLO BASKET”

Con il Social Bond Città di Castello Basket, emesso nel mese di giugno 2014, la Banca ha destinato all’Associazione Sportiva Dilettantistica “Città di Castello Basket CDCB” un contributo liberale al fine di supportare il progetto di recupero dell’ex campo da tennis dell’Istituto Alberghiero di Città di Castello, per trasformarlo in campo da basket ed area ricreativa ad uso degli iscritti dell’Associazione e dei giovani di Città di Castello.

Caratteristiche del prodotto: prestito obbligazionario con cedola semestrale, della durata di 3 anni, al tasso fisso lordo del 1,90% con devoluzione all’Associazione “Città di Castello Basket CDCB” di un contributo a carico della Banca pari a 0,50% del valore nominale collocato. Taglio minimo sottoscrivibile euro 1.000, plafond 2,5 milioni di euro.

 

SOCIAL BOND A FAVORE DI ORGANIZZAZIONI NON PROFIT

Il primo luglio 2014 è stato emesso il Social Bond a favore delle Organizzazioni Non Profit che ha consentito alla Clientela di effettuare un investimento a tasso fisso e contestualmente di scegliere una ONLUS alla quale destinare una liberalità, totalmente a carico della Banca.

Le Organizzazioni destinatarie dell’iniziativa sono:

  • ASSOCIAZIONE COMUNITA’ PAPA GIOVANNI XXIII, Associazione cattolica non profit fondata da Don Oreste Benzi negli anni ’70 del XX secolo, avente sede a Rimini e diffusa in 32 Paesi nel mondo, impegnata nell’attenzione a varie forme di disagio sociale quali la devianza adolescenziale, l’handicap, la prostituzione e la povertà (www.apg23.org).
  • FONDAZIONE MARILENA PESARESI ONLUS, Ente non profit costituito nel giugno 2012 dalla Diocesi di Rimini ed altri 19 soci fondatori con lo scopo di continuare a sostenere l’opera missionaria della dott.ssa Marilena Pesaresi in Zimbabwe e in altri Paesi africani; la Fondazione sostiene progetti di promozione umana e sanitaria al fine di prevenire la malnutrizione, la diffusione dell’HIV e la mortalità infantile (www.fondazionemarilenapesaresi.org).
  • FONDAZIONE SAN GIUSEPPE PER L’AIUTO MATERNO E INFANTILE ONLUS, Organizzazione non profit nata a Rimini nel 1910 per l’assistenza delle madri povere e la protezione della primissima infanzia, che oggi gestisce diverse Comunità socio-educative in cui ospita bambini e adolescenti in difficoltà e un Centro socio-riabilitativo diurno per disabili (www.sangiuseppe.org).
  • UN SEME PER CRESCERE ONLUS, Associazione umanitaria non profit con sede a Genova fondata nel 2008 dal fotografo Giuseppe Schintu, che opera in Madagascar: diversi sono i progetti realizzati fra cui due scuole elementari, campi sportivi e una sala di ricreazione; sono attualmente in fase di progettazione una scuola agraria e una casa famiglia (www.madagascar82.com).

 

Caratteristiche del prodotto: prestito obbligazionario con cedola semestrale, della durata di 3 anni, al tasso fisso lordo del 1,65% con devoluzione alla ONLUS scelta dal sottoscrittore di un contributo a carico della Banca pari a 0,50% del valore nominale collocato. Taglio minimo sottoscrivibile euro 1.000, plafond 10 milioni di euro.

 

SOCIAL BOND PER LE PARROCCHIE DELLA DIOCESI DI RIMINI

Nel mese di febbraio 2014 è stato lanciato il Social Bond per le Parrocchie della Diocesi di Rimini che ha consentito alla Clientela di effettuare un investimento a tasso fisso e contestualmente di scegliere una Parrocchia della Diocesi di Rimini alla quale destinare una liberalità, totalmente a carico della Banca.

Caratteristiche del prodotto: prestito obbligazionario con cedola semestrale, della durata di 3 anni, al tasso fisso lordo del 1,90% con devoluzione alla Parrocchia scelta dal sottoscrittore di un contributo a carico della Banca pari a 0,50% del valore nominale collocato. Taglio minimo sottoscrivibile euro 1.000, plafond 15 milioni di euro.

Il social bond è stato interamente sottoscritto e ha permesso alla Banca di mettere a disposizione dei parroci 75.000 euro, risorse economiche indispensabili per lo svolgimento delle capillari azioni di sostegno alle fasce sociali più deboli del territorio.

 

SOCIAL BOND PER LA COMUNITA’ DI SAN PATRIGNANO

La Comunità di San Patrignano, fondata a Coriano di Rimini nel 1978 da Vincenzo Muccioli, in oltre trent’anni ha accolto più di 25.000 ragazzi tossicodipendenti (2.200 dall’Emilia Romagna, 700 dei quali riminesi), sottraendone 3.700 dal carcere e consentendo a molti di convertire la detenzione in pena alternativa.

Il percorso educativo individuale, la formazione scolastica e lavorativa, il reinserimento sociale sono i punti di forza della Comunità di San Patrignano che tuttavia non riesce a sostenersi con il solo autofinanziamento: per questo motivo nell’ottobre 2013 è stata lanciata la sottoscrizione del Social Bond per San Patrignano finalizzata alla costruzione di nuovi alloggi per i ragazzi che stanno seguendo il programma di recupero.

Caratteristiche del prodotto: prestito obbligazionario con cedola semestrale, della durata di 3 anni, al tasso fisso lordo del 2,30% con devoluzione alla Comunità di un contributo a carico della Banca pari a 0,60% del valore nominale collocato. Taglio minimo sottoscrivibile euro 1.000, plafond 15 milioni di euro.

La collocazione del Social Bond, chiusasi anticipatamente per il grande successo riscontrato, ha consentito di devolvere alla Comunità 90.000 euro, utilizzati per ospitare 128 ragazzi, grazie alla realizzazione di 16 alloggi.